Home » Mia Energia Notizie » I negoziati sul clima a piccoli passi verso Doha

I negoziati sul clima a piccoli passi verso Doha

Notizia 13/09/2012

Una settimana di incontri ‘informali’ si è appena conclusa a Bangkok dove prosegue, lento e agonizzante, il negoziato internazionale per il futuro accordo sul clima che dovrebbe sostituire la Convenzione quadro sui cambiamenti climatici e il Protocollo di Kyoto. Quando? Nonostante a Durban la comunità internazionale abbia individuato nel 2015 la scadenza di tale negoziato, a oggi la fine di questo processo internazionale, che coinvolge 194 nazioni e tutta la comunità internazionale, è tutt’altro che in vista.

La riunione di Bangkok segue quella di Bonn del maggio scorso quando le Parti hanno ritenuto fondamentale un altro incontro prima della diciottesima Conferenza delle Parti della Convenzione (COP18) prevista a Doha in Qatar, dal 26 novembre al 7 dicembre prossimo. L’incontro di Bangkok è stato possibile solo grazie al finanziamento del Governo del Qatar, ovviamente interessato a che le Parti possano avere più tempo possibile per dirimere ogni questione in vista dell’evento di fine anno. Il problema della scarsità dei fondi necessari per mobilitare ogni volta migliaia di delegati e organizzare la logistica di tali eventi internazionali è sempre più evidente e si aggiunge allo stallo del negoziato politico.

Dal punto di vista dei contenuti la COP17 di Durban del dicembre 2011 ha lasciato, come facilmente prevedibile nonostante l’eccessivo ottimismo che ha accolto tale risultato in alcuni Paesi sviluppati, molte questioni irrisolte e un testo aperto a molteplici interpretazioni. La creazione di un ulteriore gruppo di lavoro (Durban Platform), che si aggiunge ai due creati nel 2005, rispettivamente in ambito protocollo di Kyoto e Convenzione che avrebbero dovuto terminare i lavori nel 2009 a Copenhagen, ha contribuito a ingolfare ulteriormente l’agenda di queste riunioni, e soprattutto riavviato interminabili discussioni che sembravano ormai superate.

Ciò nonostante, a Bangkok le Parti hanno continutato a lavorare evidenziandoalcuni piccoli passi avanti in settori fondamentali del negoziato, almeno dal punto di vista formale, con la produzione di alcuni testi che dovranno essere finalizzati in Qatar.

commenti (0)